Leoš Janáček,
Sonata 1.X.1905

English

Giulio Potenza talks about Leoš Janáček, focusing on the Sonata 1.X.1905

Leoš Janáček is a less known name in piano repertoire. Giulio explains what made him feel close to this composer, and what made him decide to start his journey in his particular musical style, discovered the first time playing the Sonata 1.X.1905.

Italiano

Giulio Potenza parla di Leoš Janáček, in particolare della Sonata 1.X.1905

Leoš Janáček è un compositore meno noto nel repertorio pianistico. Giulio spiega cosa lo ha fatto sentire vicino a questo compositore, e cosa gli ha fatto decidere di intraprendere il suo viaggio nel suo particolare stile musicale, scoperto la prima volta con la Sonata 1.X.1905.

Performance

Leos Janacek Piano sonata 1.x.1905 1 mvt – Giulio Potenza Pianist

 

Interview

Giulio Potenza Pianist Blog: An Interview about the composer Leoš Janáček

 

Interview Transcript

English

“Let’s talk a bit about Leoš Janáček. It’s not a very well known name in piano repertoire like Chopin or Liszt. So when did you first heard about him and about his music?”

Leoš Janáček is not one of the most famous composers and is not like, the common composer that pianists have in repertoire. And I got in love with Janáček almost 5 years ago when I was talking with my professor in Trinity Lab Gabriele Baldocci. We were talking about new repertoire to start and he suggested me to study the Piano Sonata 1.X.1905 of Janáček.
And then I got in love with the ideas and the way he expresses his music that is not common, is very typical, his style, it is unique. So, from the first time I started to work on the Sonata then I decided to deepen all the repertoire, the piano repertoire of him.

Which characteristics of Leoš Janáček made you think: ‘I want him in my repertoire I want to go through the hard work of studying his pieces’?”

So the elements that characterise the repertoire of Janáček are first of all the lyricism of his music. Janáček is full of lyricism, and full of beautiful melodies that is really important to express and to feel in a way to feel the suffering, to suffer for the music you are playing. So every kind of sound, you really need to deepen and to work on it, because it’s not just playing, it’s going inside the music of him.
Also, one another important character of the music of Janáček is that is full of contrast. So you can go from a place where the melody sounds quite relaxed and suddenly, in the next bar, looks like there’s just storm. So the contrast of moods is one of the typical elements of his music and this is one of the things I really love about it.
Also, the music of Janáček is strongly inspired by the voice, because we need to think that Janáček was a composer that was thinking a lot about the voice. Indeed he composed a lot of folk songs and also his piano music reflects this idea and so every time is really important to express, thinking about the voice, all the melodies of the music we are playing.

“You play the Sonata 1.X.1905. What’s the meaning of the title and what’s the story behind it?”

So, the story behind the Piano Sonata 1.X.1905 is very peculiar because Janáček was inspired by a real event.
Basically, in 1905 in Brno there was a demonstration because people of Brno wanted to have a University where was possible to speak in Czech. Because we need to think that Brno was part of the Austro-Ungarish Empire. And basically the Empire didn’t want to give the opportunity to the city.
So there was this demonstration when there was… was killed a worker, Pavlík. So Janáček, after this event, was so inspired in a sad way, that he wanted to write this Sonata 1.X.1905.
Some information say that he decided to drop this score on the river, and there was a student of him that likely got some pages.
So basically, today we have only two movements of the Sonata 1.X.1905. The first one is named “From the Street” because is connected with the moment when people, these people were demonstrating.
The second movement is called “The Death” because it wanted to represent through the sound the moment of the death of this worker.
So, this two titles show that it’s quite connected with the reality and we can say that it’s a piece of programmatic music, and it’s really important throughout the performance to give the picture of this event, also working a lot on sounds, and give the impression that we are living the moment the Sonata talks about.

Which passages where the most challenging for you to play in the Sonata 1.X.1905?”

The Piano Sonata 1.X.1905 of Janáček is composed by few challenging technical moments. Because also… Janáček, also when wrote something that was quite tricky, we need always to express the tricky part from a musical side.
It’s not just playing thinking about the technique. For example, if we talk about the first page of the Sonata 1.X.1905 we can see for example the left hand that is an accompaniment of the main melody of the right

First Page of Sonata 1.X.1905, Left Hand
This kind of passages is quite tricky to play in a melodical way. It’s important to control in order to support the melody without covering the sound of the melody.
At the same time is important also to think about the phrasing of the left hand

First Page of Sonata 1.X.1905, Right Hand

And it is really important in this kind of technical moments also to make understand the change of harmony.

First Page of Sonata 1.X.1905, Harmony Change

So there is a double work of controlling the technical challenges of these passages and at the same time to make understand all the harmonical and musical elements.
Another important moment that is, well, I would say, quite challenging, is the moment on the second movement of the Sonata 1.X.1905 where the left hand basically jumps from two parts of the piano, and also here we need to express the drama of the music

Second Movement of Sonata 1.X.1905, Climax

So, thinking the energy that passes from one side to the other side.
Or also, we talk about for example the Violin Sonata, we see that there is another challenging moment that we also need to solve on a musical side.

Here for example

Janáček Violin Sonata, Passage with octaves

this hops

Janáček Violin Sonata, Passage with octaves detail

that performance-wise speaking are not very easy.
If we just play them as normal hops we miss completely the musical side. Instead, is always important in Janáček to focalise first of all on the lyricism and the musical point of view.

 

“Which other pieces by Leoš Janáček you explored?”

 

So, after discovering the Piano Sonata 1.X.1905 I decided to discover in general the piano repertoire of Janáček.
So, I performed during my concert “In the Mists”, The Variations Op.1 and now I’m discovering “On the Overgrown Path”.
Also I worked with Nicolas Dupont, a very good violinist, and we played and we are going to record also the main violin pieces, such as the Violin Sonata, Dumka, and now all this work I did is going to be finalised in a discographic project with a CD that is going to be out in October for DaVinci classic that is going to contain the main compositions of Janáček, and at the same time the CD wants to be a kind of history from his young compositional style which is represented by for example the Variations Op.1, to the more advanced style such as the Sonata 1.X.1905 and “In the Mists”.

 

Thank you very much for your interest about this lesser known composer, and see you on the next video.

 

Italiano

“Parliamo un poco di Leoš Janáček. Non è un nome molto noto nel repertorio pianistico come Chopin o Liszt. Quindi, quand’è stato il primo momento che hai sentito parlare di lui e della sua musica?”

Leoš Janáček non è tra i compositori più noti e non è apparentemente il compositore che solitamente i pianisti scelgono per il loro repertorio. Iniziai ad appassionarmi a Janáček quasi 5 anni fa quando parlai con il mio professore nel Trinity Lab Gabriele Baldocci. Stavamo discutendo su dove iniziare per un nuovo repertorio e mi suggerì di studiare la Sonata 1.X.1905 di Janáček.
Da allora mi sono appassionato alle idee e al modo con cui egli si esprime in musica che non è comune, è molto caratteristico, il suo stile è unico. Fin dalla prima volta che ho iniziato a lavorare sulla Sonata ho deciso di approfondire tutto il suo repertorio, il suo repertorio pianistico.

Quali caratteristiche di Leoš Janáček ti hanno fatto pensare: ‘Vorrei lui nel mio repertorio voglio lavorare duramente per studiare i suoi pezzi’?”

Allora, l’elemento che caratterizza il repertorio di Janáček è prima di tutto il liricismo della sua musica. Janáček trabocca di liricismo, ed è pieno di belle melodie che è molto importante esprimere e sentire in un modo che lasci strada alla sofferenza, al soffrire per la musica che si sta suonando.
Quindi ogni tipo di suono deve essere molto approfondito, ed è necessario lavorarci perché non si tratta semplicemente di suonare, si tratta di addentrarsi nella sua musica.
Inoltre, un altro importante elemento della musica di Janáček sono i frequenti contrasti. Quindi si può passare da un momento dove le melodie sono piuttosto rilassate ed ecco che improvvisamente, nella battuta successiva, sembra scoppiare una tempesta.
Quindi il contrasto di umori è uno degli elementi tipici della sua musica ed è una delle cose che amo di più in essa.
Inoltre, la musica di Janáček è fortemente ispirata dalla voce, perché dobbiamo pensare che Janáček era un compositore che pensava molto alla voce. Indubbiamente ha composto molti motivi popolari e il suo approccio al pianismo riflette questa idea quindi ogni volta è fondamentale esprimere, con bene a mente la voce, tutte le melodie della musica che si sta suonando.

“Suoni la Sonata 1.X.1905. Qual’è il significato del titolo e che storia c’è dietro?”

Allora, la storia dietro la Sonata 1.X.1905 è molto particolare perché Janáček si lasciò ispirare da un evento reale.
In sostanza, nel 1905 in Brno ci fu una manifestazione in quanto gli abitanti di Brno desideravano avere una Università dove fosse possibile studiare in lingua Ceca. Dobbiamo infatti pensare che Brno era parte dell’Impero Austro-Ungarico.
Quindi, in sintesi, l’Impero non voleva offrire questa opportunità alla città. Ci fu quindi questa manifestazione dove accadde che… venne ucciso un lavoratore, Pavlík. Quindi Janáček, in seguito a ciò, era così ispirato, tristemente ispirato, che decise di scrivere questa Sonata 1.X.1905.
Alcune fonti dicono che egli avesse poi deciso di gettare lo spartito in un fiume, e fu uno dei suoi studenti che riuscì, sembra, a recuperare alcune pagine.
Quindi, fondamentalmente, oggi abbiamo solo due movimenti di questa Sonata 1.X.1905. Il primo è chiamato “Nella Strada” perché si ricollega al momento in cui le persone, queste persone stavano manifestando.
Il secondo movimento è chiamato “Presentimento e Morte” perché intende rappresentare attraverso il suono il momento della morte di questo lavoratore.
Quindi, questi due titoli mostrano che il pezzo è collegato a momenti reali e per questo possiamo dire che si tratta di un pezzo di musica programmatica, e diventa molto importante nel rendere la partitura creare un’immagine di questo evento, anche attraverso un profondo lavoro sul suono e dare l’impressione di vivere il momento di cui la Sonata 1.X.1905 racconta.

Quali passaggi sono stati i più difficili per te da suonare nella Sonata 1.X.1905?”

La Sonata per pianoforte di Janáček è composta da alcuni momenti tecnicamente difficili. In quanto anche… Janáček, anche quando ha scritto passaggi piuttosto complicati, dobbiamo sempre esprimere la difficoltà tecnica da un punto di vista musicale.
Non si tratta solo di suonare con a mente la tecnica. Ad esempio, se parliamo della prima pagina della Sonata possiamo vedere ad esempio che la sinistra fa da accompagnamento alla melodia principale alla destra

First Page of Sonata 1.X.1905, Left Hand

Questo tipo di passaggi sono piuttosto difficili da rendere in maniera melodica. È importante mantenere il controllo così da supportare la melodia senza coprire il suono della melodia.
Allo stesso tempo è importante comunque pensare al fraseggio nella mano sinistra

First Page of Sonata 1.X.1905, Right Hand

Ed è davvero importante in questo tipo di passaggi tecnici rendere chiaro il cambio di armonia.

First Page of Sonata 1.X.1905, Harmony Change

Quindi c’é un doppio lavoro di controllo della componente tecnica di questi passaggi e allo stesso tempo di resa degli elementi armonici e musicali.
Un altro importante passaggio che è, beh, direi, piuttosto difficile, è il passaggio nel secondo movimento della Sonata 1.X.1905 dove la mano sinistra fondamentalmente salta da due parti diverse del pianoforte, anche qui dobbiamo esprimere il dramma musicale

Second Movement of Sonata 1.X.1905, Climax

Quindi, pensando all’energia che si trasferisce da una parte all’altra.
Oppure anche, possiamo parlare ad esempio della Sonata per Violino, dove troviamo un altro passaggio difficile che deve essere anche qui reso in maniera musicale.

Qui ad esempio

Janáček Violin Sonata, Passage with octaves

questi salti

Janáček Violin Sonata, Passage with octaves detail

che dal punto di vista tecnico non sono molto facili.
Se li suonassimo come semplici salti perderemmo completamente il lato musicale. Invece, è sempre importante in Janáček concentrarsi prima di tutto sul liricismo e sul punto di vista musicale.

 

“Quali altri pezzi di Leoš Janáček hai esplorato?”

 

Allora, dopo aver scoperto la Sonata 1.X.1905 ho deciso di scoprire in generale il repertorio pianistico di Janáček.
Quindi ho eseguito durante i miei concerti “Nella nebbia”, le Variazioni Op.1 e ora sto scoprendo “Sul sentiero di rovi”.
Ho anche lavorato con Nicolas Dupont, eccellente violinista, e abbiamo suonato e stiamo per incidere anche i principali pezzi per violino, come la Sonata per Violino, Dumka, e ora tutti questi lavori stanno per essere concretizzati in un progetto discografico attraverso un CD che uscirà ad Ottobre sotto l’etichetta DaVinci classic, e che conterrà le composizioni principali di Janáček, e allo stesso tempo il CD vuole essere una sorta di resoconto a partire dallo stile compositivo giovanile rappresentato ad esempio dalle Variazioni Op.1, fino allo stile più avanzato, come la Sonata 1.X.1905 e “Nella Nebbia”.

 

Grazie davvero per il vostro interesse per questo compositore meno noto, ci vediamo al prossimo video.

 

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *